Vivo d’Orcia. Al Salone del Gusto di Torino, menzione per l’Osteria Pian delle Mura

Amiatanews (Giuseppe Serafini): Vivo d’Orcia 06/10/2016
Un riconoscimento che avvalora lo sforzo di quei  ristoratori, attenti alla qualità e alla tradizione culinaria amiatina e valdorciana

La recente manifestazione “Terra Madre Salone del Gusto 2016” che si è svolta a Torino dal 22 al 26 Settembre scorso, a cui abbiamo dedicato alcuni servizi sul nostro giornale, ha riservato, anche quest’anno, un bel primato con una menzione del tutto particolare ad uno dei ristoranti Amiatini.
Il riconoscimento è andato alla Taverna di Pian delle Mura, a Vivo d’Orcia, da anni apprezzato punto di ristoro, dove si realizza una cucina esclusivamente biologica, con prodotti naturali al centro per cento e ricette più che apprezzate per gusto e naturalezza. Naturalmente, alla cerimonia ufficiale che si è svolta nella reggia di Venaria Reale, c’erano i tre protagonisti: Nadia, Luisa, Umberto, che, dal 2011 è divenuto ristorante Slow Food, portano avanti una filosofia caratterizzata dalla ricerca e proposta del ben mangiare e mangiare sano, dell’accostamento culinario a cibi e sapori antichi, senza artefazioni e cambiamenti di sorta al tradizionale cibo toscano e valdorciano.
Nadia, Luisa, Umberto, sono infatti di queste terre, tra Amiata e Val d’Orcia, genuine e sane, come le paste, i pian_delle_mura_03_20160928_145707formaggi, le ricotte, le carni e tutto quanto serve per un’ottima cucina. Un ambiente gradevole dunque, divenuto famoso e che riceve in continuazione, che riceve anche on line commenti positivi dai clienti che, passando da Vivo d’Orcia, si è fermata a mangiare nella taverna. Un’altra caratteristica del locale, è quella riguardante una speciale certificazione e attestazione sul cibo, che mette in primo piano la consapevolezza sui prodotti alimentari che il cliente consuma e il modo con cui vengono cucinati. A conclusione, vogliamo riportare la particolare menzione, riportata sulla guida Slow Food alle Osterie d’Italia, famosa per il simbolo della chiocciola: “Eccellenti interpreti delle tradizioni gastronomiche amiatine, Luisa, Nadia e Umberto, uniscono la conoscenza delle tradizioni alla passione, offrendo piatti di grande qualità e piacevolezza.”

Lascia un commento