Redazione. “Opere e giorni del Signore”: XX^ Domenica del Tempo Ordinario (C)

Amiatanews (Giuseppe Serafini): Amiata 14/08/2016
Redazione. “Opere e giorni del Signore”: XX^ Domenica del Tempo Ordinario (C)

«Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso!» (Lc, 12, 49-53)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: Sono venuto a gettare fuoco sulla terra, e quanto vorrei che fosse già acceso! Ho un battesimo nel quale sarò battezzato, e come sono angosciato finché non sia compiuto!
Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra? No, io vi dico, ma divisione. D’ora innanzi, se in una famiglia vi sono cinque persone, saranno divisi tre contro due e due contro tre; si divideranno padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera».


Se qualcuno crede o pensa che la proposta evangelica del Signore, sia una proposta senza contraddizioni ed esigenze particolari, si sbaglia. Il brano di Luca, del resto, è molto tagliente e non lascia giustificazioni di sorta. Gesù, parlando a chi lo segue cercando una verità comoda su cui adeguarsi, non lascia spazio e, in certi tratti, sembra quasi spietato. Ma in lui, c’è già la visione del Calvario, della morte in croce imminente.
Gesù non ha  bisogno di guardare esternamente per poter dare un giudizio sulla realtà. Egli parla apertamente di tempi che porteranno tanta angoscia e divisione, ma invita a fare un discernimento della propria vita personale, del proprio modo di seguirlo, soprattutto dell’amore che si deve portare agli altri, un amore che diventa fuoco di carità, esigenza di servizio.
Siamo alla  vigilia della Festa Mariana per eccellenza, l’Assunzione di Maria Santissima portata alla gloria del paradiso dagli angeli. Maria, come il Figlio, ha il privilegio di non restare nel sepolcro, il suo corpo non cede alla corruzione. Allo stesso momento, diventa la donna della Fede, che attende il tempo della vita terrena in ascolto, preghiera econdivisione con gli altri.
A lei,  immagine della Chiesa e Madre nostra, affidiamo la nostra vita e i nostri pensieri.


Preghiera
Signore, che sei venuto a portare un fuoco sulla terra, facci parte di quell’amore, di cui il tuo cuore ardeva, per poter essere testimoni veri , senza contraddizioni e riserve personali. Amen.

Lascia un commento