Redazione. “Opere e giorni del Signore”: XV^ Domenica del Tempo Ordinario

Amiatanews (Giuseppe Serafini): Piancastagnaio 12/07/2015
XV^ Domenica del Tempo Ordinario

Meditazioni per l’Anno Liturgico Ciclo B – Testi biblici “Nuovo Messale Festivo” – Edizioni Paoline

“In quel tempo Gesu’  chiamo’ a se i Dodici e prese  a mandarli a due a due  e dava loro potere sugli spiriti impuri: e ordino’ loro di  prendere per il viaggio  nientaltro che un bastone: né  pane, né  sacca, né denaro nella cintura: ma di calzare sandali e di non portare due cinture” (Marco 6, 713)

In queste ore stiamo condividendo attraverso  i mezzi di informazione l’ennesimo lungo viaggio pastorale del nostro Papa Francesco in America Latina. Se guardiamo ad una delle prime immagini   proposte,  all’inizio del pontificato, e cioe’ al primo viaggio apostolico effettuato tre anni fa, durante la giornata mondiale della gioventu’ in Brasile, ci viene in mente la figura di questo  uomo di Dio, pensieroso ancora per l’incarico assai grave appena ricevuto, e la gioia di partire  per la missione, obbediente al comando del suo Signore. In tutti, rimane l’immagine, di quel  piccolo bagaglio, che egli reggeva quasi con affetto, e cioe’ una piccola borsa nera, ormai logorata e scolorita. Uno dei giornalisti presenti sull’ aereo, volle domandare, a Papa Francesco, durante la  conferenza stampa, cosa contenesse mai quella borsa, cosi’ ben stretta sulle sue mani. Il papa lo guardo’ sorridendo e aggiunse ”  dentro non c’e’ la chiave della bomba atomica, o altri importanti segreti. Ma solo il breviario, un rasoio elettrico, l’agenda, una biografia di un Santo”. Questo episodio, ci introduce a comprendere il vangelo proposto dalla Liturgia in questa domenica. Il profeta, va nel mondo,  nel segno della Pace,   solo con la potenza della Fede,e non e’ uno stipendiato. Essere attaccati alle cose del mondo, compromette quel legame di assoluta semplicita’ e  adesione, richieste dalla sequela di Cristo. Durante gli anni settanta, nella celebre Comunita’ ecumenica di Taize’, in Francia, meta di migliaia di giovani, in cerca di ”Dio”, il fondatore e monaco Frere Roger Schultz, conio’ una  parola, che  divenne  il titolo di uno dei suoi libri, dal  titolo ” Vivere la dinamica del provvisorio”:penso all’ora, a tutti i doni che ci sono stati elargiti,  in particolar modo quelli della natura e dell’ambiente, di cui appunto il Papa ha messo al centro della sua enciclica  recente  ” Laudato sii”. Questi doni, che stiamo sprecando, mentre anche noi Cristiani e la Chiesa,  affrontiamo la Missione  con altri bagagli fatti di compromessi, opportunismi, sottomissioni al potere umano e politico, sono  un ostacolo verso  Gesu’ che , oggi ci richiama ad essere Profeti di Pace, prima di tutto. che non  hanno, o non dovrebbero avere bisogno di niente, visto che il Padre, Dio Immortale, nutre gli uccelli del cielo e veste i gigli dei campi. Questo dovrebbe bastare.

Preghiera
Siamo venuti al mondo nudi,  e nudi ritorneremo a te Signore. Per questo oggi ti chiediamo di  non essere attaccati, specie noi Cristiani, che professiamo il tuo Santo nome, alle cose inutili che troviamo nel cammino della Missione. Fa’ che nella nostra vita, possiamo avere solo te,unico bene.  Amen.

Lascia un commento