Redazione. “Opere e giorni del Signore”: Solennitá di Pentecoste

Amiatanews (Giuseppe Serafini): Piancastagnaio 24/05/2015
Solennitá di Pentecoste

Meditazioni per l’Anno Liturgico Ciclo B – Testi biblici “Nuovo Messale Festivo” – Edizioni Paoline

“Lo spirito di veritá, vi guiderá a tutta la veritá …” (Giovanni 15, 26, 27-16, 12 15 16,15)

Nell’antica accezione ebraica il termine “ruah”significa vento, soffio, respiro. Nel libro della Genesi, al capitolo 12 troviamo’: “Ora la terra era informe e deserta e le tenebre corivano l’abisso, e lo spirito di Dio aleggiava sulla terra.”

La domenica di oggi, che chiude il ciclo pasquale con le sue solennita’, e’ in effetti, la primavera della Chiesa di Cristo. Pentecoste, cinquanta giorni dopo la Pasqua, ricorda la discesa dello Spirito Santo in forma reale, sugli Apostoli e Maria, riuniti nel cenacolo. Il dono dello Spirito, e’ l’essenza di Dio, una parte del suo esistere nella storia e nel tempo, attraverso il suo respiro.

Lo spirito da la vita ed è vivificante. Sensa il soffio vitale, anche la terra, sarebbe destinata a scomparire, ad essere una cosa amorfa e priva di vita. Lo spirito Cristiano, rende forti quelli che seguono il Cristo, ed e’ quello che fa gridare la verita’, anche a costo di sacrificare la propria esistenza, in nome della ”verita”. Gesu’, nel Giordano, ha ricevuto direttamente, sotto forma di colomba questo Spirito, che e’ il dono del Padre. Lo Spirito lo Consacra ed egli per tre anni, annuncia il Regno senza mai avere paura. Prima della morte, nel cenacolo, egli parla di un Consolatore, ”paraclito”, che poi, nella tradizione Giovannea, i teologi, addirittura, vedono manifestarsi, nel momento della morte stessa del figlio di Dio, quando spiro’ e quello spirare, significava dare lo Spirito alla Chiesa nascente.

Lo Spirito Santo, ha dunque, essendo parte integrante delle tre persone della Santissima Trinita’, tre funzioni : funzione creante, perche’ prende parte alla creazione del mondo; funzione generante poiche’ e’ il soffio di Dio che alita sulla terra, rigenerandola, e rinnovandola; funzione conducente, poiche’ Dio, ancora una volta, guida il suo popolo, sopratutto durante le grandi svolte, suscitando grandi guide, re e profeti di indole carismatica. Ma se lo Spirito ”sofiia dove e quando vuole”, sta a noi Cristiani percepirne i segni attraverso un cuore aperto e una mente rivolta alle cose di Dio.

C’e’ ancora bisogno di ”lui”, dello spirito, ancora oggi, sopratutto laddove le nostre decisioni rischiano di essere prese con tanta superficialita’. Ritorniamo ad affidarci a questo spirito creatore, unica e assoluta presenza di Dio.

Preghiera
Vieni Spirito Santo e rinnova la faccia della terra. Vieni Padre dei poveri, vieni ospte dolce dell’anima e dona ai tuoi fedeli, che in te confidano, i tuoi sette Santi doni. Amen.

Fonti.
Immagine di copertina: 

Lascia un commento