Opere e giorni del Signore. Domenica di Pentecoste (Anno A)

Amiatanews (Giuseppe Serafini): Amiata 03/06/2017
Domenica di Pentecoste (Anno A)

«Ricevete lo Spirito Santo.» (Gv 20, 19-23)

19La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». 20Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. 21Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». 22Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. 23A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati».


“Veni Creator Spiritus….mentes tuorum visita”, “Vieni Spirito Creatore, visita le menti dei tuoi fedeli”. Le parole stupende dell’inno “Veni Creator”, ci introducono oggi alla riflessione che accompagna la grande solennità di Pentecoste che chiude, come in un cerchio luminoso, i beati cinquanta giorni della Pasqua del Signore.
Ammetto, che dover parlare della Pentecoste, rimane molto difficile, in quanto, il mistero che essa racchiude, è così immenso per essere proclamato con le parole. Meglio sarebbe rimanere in silenzio e adorare,  proprio perché dello Spirito Santo che noi professiamo in una delle tre figure della Santissima Trinità, è parte della nostra fede.

Lo Spirito, in greco “pneuma”, soffio, vita, aria, aleggiava sopra la terra, secondo la Genesi, fin dall’inizio della creazione. Lo Spirito, ha dato forza e coraggio ai profeti e a coloro che hanno diffuso la Parola di Dio nel corso della storia. Questo stesso Spirito, che oggi anima la Chiesa e ci fa comprendere  le scritture, rendendo il Vangelo comprensibile e testimonianza. Primo dono ai credenti, viene consegnato da Gesù attraverso la sua Chiesa, per la remissione dei peccati. In ogni sacramento, si rende presente il dono dello Spirito, a partire dalla Eucarestia dove, appunto, il Signore si rende presente. Il Cristiano, deve perciò amare e riscoprire la forza dello Spirito Santo, con esso camminare e da lui farsi guidare. E’ un programma di vita, dove i doni che  provengono, sono la pace, la pazienza, la bontà e il controllo di se stesso, sono le caratteristiche per una vita orientata ai carismi che ci fanno figli di Dio, concittadini dei Santi, uomini nuovi.


Alleluia, Alleluia, Vieni Santo Spirito, riempi i cuori dei tuoi fedeli e accendi in essi il fuoco del tuo amore Alleluia (antifona della Liturgia di Pentecoste).

 

Lascia un commento