Amiata. “Opere e giorni del Signore”: Terza domenica di Avvento

Amiatanews (Giuseppe Serafini): Piancastagnaio 06/12/2014
Opere e giorni del Signore: Terza domenica di Avvento.

Meditazioni per l’Anno Liturgico Ciclo B – Testi biblici “Nuovo Messale Festivo” – Edizioni Paoline

“Venne un uomo mandato da Dio e il suo nome era Giovanni. Egli venne come testimone per rendere testimonianza alla luce,perche’ tutti credessero per mezzo di lui. Egli non era la luce, ma doveva render testimonianza alla luce……gv 1,6_8,19_28”

In questa terza domenica di Avvento, troviamo ancora la figura di Giovanni, ma questa volta e’ un Giovanni, che sta scomparendo dalla scena per fare posto alla “luce vera”, il Cristo. Giovanni sa di non essere lui il messia, nonostante,la sua vita e’ avvolta nel mistero e nell”arcano.La sua umilta’, e’ talmente grande, da fargli esclamare: “non sono degno di sciogliere i lacci dei suoi sandali”.

Questa terza domenica del percorso dell’Avvento, potremmo dire sia speciale. Infatti, nella liturgia cattolica e’ chiamata ” gaude’te”, dal latino “rallegratevi”. Questo termine, viene preso dall”antifona dell’inizio Messa, e sono le parole che l’apostolo Paolo, usa nella sua lettera ai Filippesi “Rallegratevi nel Signore”.image

Come nella quarta domenica di quaresima, passata la meta’ del cammino penitenziale, costituisce una sosta gioiosa, nei paramenti, al posto del violaceo si puo’ usare il colore rosa e l’altare può essere ornato di fiori.

In questa domenica di gioiosa attesa del Santo Natale, tradizionalmente, vengono benedetti i”bambinelli” da porre nei presepi. Anche nella nostra Chiesa Parrocchiale, questo rito si ripetera’ alle ore 11. Bel segno, sarebbe, la partecipazione di tutta la famiglia, che poi prima del pasto domenicale, invoca la venuta del Signore, ormai alle porte, accendendo la terza candelina.

Preghiera
“Sapessimo anche noi rispondere cosa siamo,quale il compito di ciascuno,quale e’ la sua missione! E non confonderci con te,non comprometterti con le nostre presunzioni:essere e dirci appena voce,solo voce che grida nei deserti,e di ritenerci tutti,tutti indegni di sciogliere perfino i legacci dei tuoi calzari:cosi’ tutti crederanno a te e non a noi , Signore”. AMEN

In copertina San Giovanni il Battista

 

Lascia un commento