Amiata. “Opere e giorni del Signore”: III^ Domenica di Tempo Ordinario

Amiatanews (Giuseppe Serafini): Piancastagnaio 18/01/2015.
“Opere e giorni del Signore”: III^ Domenica del Tempo Ordinario.

Meditazioni per l’Anno Liturgico Ciclo B – Testi biblici “Nuovo Messale Festivo” – Edizioni Paoline

“Gesù disse loro:  <<seguitemi e vi faro pescatori di uomini>>; e subito, lasciata la barca lo seguirono…” MC 1,14-20

Seguire Cristo vuol dire rinunciare a se stessi. La pagina di Marco che oggi ascoltiamo nelle nostre chiese, e’ molto impegnativa ed eloquente. Il maestro infatti, non cerca un suo personale esercito, per affrontare la conquista di un regno umano, dove il potere e’ sinonimo di annientamento e violenza. Gesu’, sa che chi lo segue non ha certamente un futuro fatto di posti convenienti, e di belle prospettive. La sua e’ una  proposta difficile, che non porta vantaggi materiali, che anzi si scontra con le idee del mondo, che obbliga ad andare controcorrente, che impegna la vita fino al martirio se necessario. Oggi, la nostra riflessione, si incentra su una sequela disinteressata, senza fini e costrizioni. E’ la sequela, che rende libero l’uomo, perche’ procede dalla verita’ rivelata, e la verita’, si sa non puo’ che rendere liberi, a costo della propria abnegazione personale..

Preghiera
“Maestro buono, fa’  che non siamo mai perplessi difronte alla tua chiamata, ogni tipo di chiamata, anche quella di ogni attimo, di cui forse ci sfugge il senso e  la accettazione”.
Amen

(in copertina: “Vocazione di San Matteo” – Caravaggio – Chiasa S. Luigi dei Francesi a Roma)

Lascia un commento